Cosa vuol dire soffrire di dipendenza affettiva e di ansia?dipendenza-affettiva-verona-psicologo-1

La persona che soffre di questo problema presenta alcune caratteristiche :
– Chiede continuamente consigli
– Ha sempre bisogno di rassicurazioni
– Non sa bene come comportarsi se non c’è qualcuno che le dica cosa fare

-Prova ansia quando non sa come comportarsi

Solitamente chi soffre di dipendenza affettiva prova paura e ansia nelle seguenti situazioni:
– Novità (es: un nuovo lavoro, un viaggio, …)
– Esprimere una propria opinione (a costo di inimicarsi qualcuno)
– Allontanamento di persone vicine
– Momenti quotidiani in cui ci sono decisioni da prendere

Ma capita a tutti di chiedere consiglio agli amici o ai familiari, non è vero? A tutti piace sentire anche la vicinanza degli amici e del partner!
Il problema di chi soffre di dipendenza affettiva però è che nonostante la vicinanza degli amici prova lo stesso ansia,tristezza e ha timore per il futuro. Come se non bastasse, i consigli delle persone a lei care non sembrano avere effetti positivi … è come se a Sara non bastassero, anzi la fanno sentire più insicura e confusa.

Lo scopo di Sara è quello di star bene: chiede consigli e aiuti per essere in grado di essere autonoma.

Ma c’è un effetto boomerang: Sara chiede aiuto continuamente per sentirsi sicura, ma si sente ancora più insicura perché chiede aiuto e gli altri quindi la fanno sentire inadeguata . E da questa inadeguatezza nascono l’ ansia e tristezza.

psicologo_legnago_dipendenza_affettiva

Come uscire dall’effetto boomerang?

Sperimentare sotto trattamento ipnotico altre modalità personali di comportamento fino a che la persona stessa non troverà il modo che più le si confà. In questo modo ci sarà un riapprendimento neurologico . La persona, durante la terapia, e dopo, potrà trovare e sperimetare nuovi modi di relazionarsi con se stessa e con gli altri.